Benvenuti nel blog di
Martina

Consigli pratici per vendere e comprare casa.

Home » Voglio vendere casa ma non ho fretta

Voglio vendere casa ma non ho fretta

Vendere casa senza fretta: si ma in che senso? Io questa frase non l’ho mai capita molto, sono sincera! O vuoi vendere, oppure no, non ci sono vie di mezzo. Le tempistiche migliori per la vendita di un immobile vanno dai tre ai sei mesi, andando oltre rischi di lasciare la tua casa sul mercato ad oltranza. In questo articolo ti spiegherò perché non fare questo errore.

Capisco perfettamente che ami la tua casa, ci hai vissuto parte della tua vita e magari investito dei soldi per ristrutturarla. Vorresti venderla al giusto prezzo, magari trovando qualcuno disposto a pagarla quel 20-30% in più, perché “si sa che la casa è un investimento sicuro, e il valore del mattone cresce negli anni”.

Purtroppo questo era vero in passato. A partire dal 2007 la recessione economica ha inevitabilmente portato a una discesa dei prezzi: la pandemia ha fatto il resto.  Ovviamente non voglio dire che non conviene più vendere casa, tutt’altro, solo ti consiglio di mettere i piedi per terra, perché aspettare che una casa come per magia cresca di valore è un po’ come voler perdere peso senza fare una dieta. E’ come voler dimagrire senza rinunciare ai dolci. Un’utopia, insomma.

Adesso ti spiego nel dettaglio perché non conviene lasciare la tua casa sul mercato troppo a lungo. Seguimi passo passo, sarà interessante!

1- Il prezzo di una casa rimane invariato

Che tu venda ora o fra due anni, non cambia nulla, il costo di una casa rimane sempre quello. Anzi, ti dirò di più: tra notaio, e spese varie, c’è pure il rischio che tu perda qualcosa rispetto al prezzo a cui l’avevi pagata.

E non ci si può aspettare nemmeno che arrivi il cosiddetto “amatore” che pagherà di più. Un acquirente del genere, se ci pensi, non può esistere: chi compra sa perfettamente che le banche concedono un mutuo solo fino all’80% dell’effettivo valore commerciale dell’immobile. Sarebbe quindi da folli pagare un tasso di interesse più alto solo per il gusto di farlo, non credi? Inoltre l’acquirente conosce benissimo gli immobili sul mercato, ed è in grado di paragonare il tuo annuncio con altri simili, nella stessa zona. Sarebbe disposto a  pagare un 20/30% per comprare la tua casa oppure ne sceglierebbe un’altra con un prezzo più bilanciato?

2- La gente si accorge se la casa è in vendita da tanto

Purtroppo i pettegoli sono dappertutto e se, dopo tanto tempo, la tua casa è ancora in vendita, i potenziali acquirenti cominceranno a chiedersi il perché. 

I documenti non saranno in regola? 

C’è qualcosa sotto? 

Il prezzo è troppo alto?

Se nessuno ancora si è fatto avanti, la gente comincerà a pensare che l’abitazione non vale quello che costa e vorrà trattare sul prezzo. Se poi nella stessa zona ci sono case simili, ma a un prezzo inferiore, puoi stare certo che la tua cadrà inesorabilmente nell’oblio. Ḕ questo quello che vuoi? Sono certa di no.

3- Le spese di manutenzione sono alte

Tenere sul mercato un immobile per tanto tempo significa doversi occupare personalmente di tutte le spese di manutenzione. A meno che tu non ci abiti, si tratta di una cifra davvero alta se si considera imposte, bollette, spese condominiali, imu… 

Anche nella più remota ipotesi che tu riesca a vendere ad un prezzo maggiorato, alla fine ci avrai comunque rimesso un sacco di soldi, perciò non ti conviene affatto. Se non ti fidi di me, prova a fare due conti e ne riparliamo!

4- I migliori acquirenti arrivano nelle prime due settimane

Ḕ statisticamente dimostrato: quando si mette una casa in vendita,  il maggior numero di visitatori si ha nei primi15 giorni dalla pubblicazione dell’annuncio, e solitamente si tratta dei clienti più profilati e intenzionati a comprare. Il pubblico è irrimediabilmente attratto dalle novità, e il mercato immobiliare non fa eccezione. 

Più passerà il tempo invece, più è facile che l’annuncio venga sommerso da altri più recenti. La casa perderà appetibilità e, nel peggiore dei casi, cominceranno a diffondersi gli antipatici pettegolezzi di cui abbiamo parlato nel punto 2. Ti consiglio perciò di battere il ferro finché è caldo, così potrai essere certo di vendere al giusto acquirente.

Spero di averti convinto che mettere in vendita una casa senza fretta è solo una perdita di tempo. Ti consiglio perciò di affidarti a un bravo agente immobiliare, che ti aiuterà a vendere la tua casa nei giusti tempi e al prezzo più adatto.

A proposito di clienti “amatori”…….clicca qui per sapere cosa penso di questa figura leggendaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.