Benvenuti nel blog di
Martina

Consigli pratici per vendere e comprare casa.

Home » Posso vendere una casa ricevuta in successione?

Posso vendere una casa ricevuta in successione?

La risposta alla domanda è assolutamente SI: è possibile vendere una casa ricevuta in successione. Ḕ importante però sapere che, rispetto ad una compravendita tradizionale, ci sono alcuni passaggi a cui devi fare attenzione. Nulla di complicato, qui ti spiegherò tutto!

Ho ereditato una casa ma la vorrei vendere perché…

Vendere una casa ricevuta in successione è abbastanza frequente: magari si vuole approfittare della vendita per acquistare altrove, oppure semplicemente si ha bisogno di più liquidità.

Tuttavia, oltre ai normali documenti e tasse di cui bisogna interessarsi quando si vende casa, bisogna adempiere anche a delle faccende burocratiche aggiuntive (noiose sì, ma ahimè necessarie!).

In particolare è necessario prestare attenzione a:

  • Dichiarazione di successione con relativa registrazione all’Agenzia delle Entrate
  • Accettazione dell’eredità
  • Tassa di successione
  • Coeredità

Analizziamoli insieme e cerchiamo di chiarire ogni punto!

1- Dichiarazione di successione

Parto col dire che l’eredità non scatta in automatico, ma devi “metterla nero su bianco” attraverso dei documenti, che ti serviranno in seguito anche per vendere l’immobile ereditato. Il primo di questi è la dichiarazione di successione, dove vengono elencati i beni che hai ereditato, in modo da calcolarne il valore per le imposte sull’eredità.

Questo documento devi richiederlo entro un anno dalla morte della persona che ti ha lasciato l’eredità, e puoi facilmente ottenerlo in due modi:

  • utilizzando il software apposito sul sito dell’Agenzia delle Entrate (devi essere un po’ smanettone altrimenti non è così semplice!)
  • facendoti aiutare da un Caf o da un professionista di settore (ad esempio un notaio, cosa che ti consiglio caldamente)

2- Accettazione dell’eredità

L’altro documento necessario è l’accettazione dell’eredità. A cosa serve lo dice il nome: serve a dichiarare che hai accettato i beni ereditati, che quindi ora fanno parte del tuo patrimonio.

L’accettazione va fatta entro dieci anni, e può essere sia espressa formalmente con una dichiarazione, sia tacita. Nel secondo caso, anche se non vi è un vero e proprio documento scritto, si manifesta comunque coi fatti di avere accettato i beni ricevuti. Un esempio? Voler vendere la casa ereditata!

Attenzione però: in caso di accettazione tacita, per vendere l’immobile è necessario che questa durante il rogito sia formalizzata con una trascrizione da parte del notaio (costo € 500 circa). Questo serve a dichiarare a tutti gli effetti che la casa sia diventata di tua proprietà, cioè dell’erede che vuole venderla. Non cambia nulla, semplicemente è un passaggio in più; se vuoi vendere, ti consiglio pertanto di dichiarare formalmente l’accettazione, così ti eviti un po’ di tribolazioni!

3- Tassa di successione e altri costi

Passando agli “annosi” aspetti fiscali, ti starai certamente chiedendo quanto costa vendere una casa ricevuto in eredità.

Come saprai, per legge non è possibile vendere un bene ereditato senza prima pagare la relativa tassa. Di conseguenza, dovrai corrispondere tale imposta entro tre anni dalla dichiarazione di successione. L’importo della tassa è pari a:

  • 4% del valore catastale dell’immobile per coniuge e figli del defunto
  • Fino all’8% per diversi gradi di parentela

Naturalmente a questa si aggiungono le normali imposte relative alla compravendita di un immobile (come quella ipotecaria e catastale). Inoltre, dovrai fare domanda di voltura all’ufficio del catasto della stessa provincia dell’Agenzia delle Entrate a cui ti rivolgi. Il costo è di € 55 + € 16 di bollo ogni quattro pagine di domanda.

4- Co-eredità

E se a ereditare siete più di uno? Sfortunatamente potrebbe accadere che non tutti siate d’accordo nel vendere l’immobile. In questo caso la questione si fa un po’ più spinosa: certamente non li puoi obbligare a vendere se non vogliono.

Data la delicatezza della situazione, il mio consiglio è innanzitutto di affidarti a un legale, in modo da fare gestire la cosa a un professionista che ti aiuti a mettere tutto “nero su bianco” e a valutare varie strade. Sembra un rompicapo ma niente paura, troverai una soluzione!

Detto ciò, ti ricordo che noi siamo felici di aiutarti  a risolvere ogni tuo dubbio sulla compravendita di una casa ereditata. Inoltre, nella pagina Il notaio risponde, potrai trovare tantissime risposte (anche sulle questioni più tecniche e noiose, proprio come quella di cui ti ho appena parlato!).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.